Regione Lombardia

Sconti a chi non spreca l'acqua

Pubblicato il 10 dicembre 2018 • Ambiente

Da gennaio le tariffe saranno uniformi in tutto il territorio del Milanese con un risparmio per la maggior parte degli utenti e una bolletta più giusta che premierà le famiglie che dosano meglio i consumi

Buccinasco (10 dicembre 2018) – Un uso attento dell'acqua potabile, con una tariffa unica per tutti i Comuni gestiti dal Gruppo Cap (gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano) e calcolata sulla base di quella attualmente più bassa con una quota fissa calcolata pro-capite, alleggerendo l'impatto sulle persone sole e sulle fasce deboli della popolazione. E premiando chi fa un uso responsabile dell'acqua. 

Approvata dall'Assemblea dei Sindaci, la nuova tariffa entrerà in vigore dal 1° gennaio 2019: "Per la prima volta – spiega il sindaco di Buccinasco Rino Pruiti, eletto nei mesi scorsi nel gruppo strategico di coordinamento di CAP Holding – sono state stabilite tariffe finalmente uniformi, ci sarà più trasparenza nella bolletta e soprattutto finalmente sarà premiato chi non spreca l'acqua. Far parte del gruppo strategico di CAP è importante per il nostro territorio, è importante essere lì dove vengono fatte le scelte strategiche che poi vengono ratificate dal consiglio di amministrazione della società pubblica".

"Cap ha superato la frammentazione del passato – continua il sindaco – introducendo un prezzo unico da Assago a Segrate, da Buccinasco a Bresso. Le prime proiezioni dicono che nel 71 per cento dei casi i costi per gli utenti scenderanno. E lo stesso dovrebbe accadere, con percentuali appena inferiori, nella metropoli, dove pure tutti pagavano allo stesso modo".

La nuova tariffa – comunica Cap – prevede una quota fissa di 0,60 euro al mese per persona e sarà calcolata per un numero massimo di tre persone. Questo consentirà di alleggerire l'impatto per le persone sole, ma anche per le famiglie numerose che pagheranno al massimo 1,80 euro al mese. Per i condomini si applicherà uno standard di 3 persone per appartamento, salvo che non venga comunicato l'esatto numero dei residenti di ogni unità immobiliare.

La tariffa dell'acqua potabile sarà articolata in fasce. La prima agevolata per i primi 33 metri cubi all'anno a persona, oltre 90 litri al giorno, a seguire la fascia base e tre fasce per consumi superiori, in modo da consentire una modulazione della spesa in base alla quantità di acqua consumata. Nuova anche la tariffa non residenti, leggermente più cara di quella per i residenti e che non prevede agevolazioni.

"In pratica – conclude il sindaco Pruiti – si passa a una bolletta personalizzata, che tenga conto per esempio del numero dei componenti del nucleo familiare. Chi esce dai paletti pagherà di più, quindi per la prima volta l'utente sarà responsabilizzato e incentivato a dosare i consumi. Un paio di dati, diffusi nei giorni scorsi, aiutano a capire una situazione che deve assolutamente cambiare: il 41 per cento dell'acqua immessa nelle reti del nostro Paese viene persa per la mancanza di manutenzione; non solo: il consumo medio giornaliero di un italiano è di 220 litri di acqua contro i 190 di un Nord Europa più virtuoso".

Ufficio stampa Comune di Buccinasco